Jun
20
2015

Fotografia subacquea: un mondo colorato sotto il mare.

tutte le Foto: ® Tobias ZimmerBanner-Unterwasserfotografie

 

Tobias Zimmer Unterwasserfotografie-Tobias-Zimmerè un appassionato fotografo subacqueo e paesaggista. Laureato in ingegneria per la fotografia e i media. Viaggia tre o quattro volte all’anno nei luoghi più remoti del mondo per fotografare paesaggi, persone ma in particolar modo il mondo sottomarino.

Abbiamo incontrato Tobias a Colonia e siamo riusciti a farci dare alcuni consigli su come fotografare sott’acqua.

 

1. CEWE: Tobias, come ti sei appassionato alla fotografia e in particolare al mondo sottomarino?

Tobias Zimmer: mio padre è stato il mio idolo, ed esempio. Da quando lo conosco ha fotografato con passione e mi ha trasmesso il suo entusiasmo per la fotografia. A ventun anni ho comprato la mia prima macchina fotografica e l’ho usata molto durante il mio servizio civile e ho conservato tutte le foto che ho scattato durante questi viaggi. Dopo aver effettuato un praticantato presso una azienda di produzione video, mi è nata l’idea di studiare ingegneria per la fotografia e tecnologia dei media. Per la mia tesi ho voluto fare qualcosa di speciale ed eccitante: per questo ho deciso di scrivere la mia tesi sulla fotografia subacquea. Per la parte pratica ho deciso di andare per un anno in Tailandia per fare esperienza nel fotografare il mondo sommerso, e nel mentre lavoravo come istruttore subacqueo.

Mandarin_sex-620x412

2. Perché è così importante avere buona esperienza di immersione per poter fotografare sott’acqua?

La fotografia subacquea non è assolutamente paragonabile a quella terrestre. All’esterno non devo pensare a quanto ossigeno mi rimane, ragionare dove mi posso aggrappare o preoccuparmi della mia respirazione. In acqua, oltre al concentrarsi sulle foto, si aggiungono tanti piccoli fattori, che difficilmente “un laico” può prendere in considerazione. Normalmente, al fine di ottenere delle buone foto, il fotografo ha bisogno del 100% della sua  concentrazione sul soggetto, di conseguenza, più si ha dimestichezza nello stare a proprio agio sott’acqua meno dovremo concentrarsi sul cosa fare. Una delle più importanti competenze che bisogna avere come punto di partenza per fotografare sott’acqua è assolutamente l’equilibrio neutro per restare fermi. Questo all’inizio è molto difficile e richiede molta concentrazione, perciò avere una macchina fotografica con se rende le cose molto più complicate se non a volte, addirittura pericolose. Anche se portiamo con noi solo una piccola camera con armatura stagna, si corre sempre il rischio di mettere a repentaglio la propria vita e la natura stessa. Specialmente i coralli che sono molto sensibili e a volte anche tossici. Se per sbaglio perdiamo la stabilità e cadiamo con la nostra attrezzatura distruggiamo in un batter d’occhi quindici anni di crescita del corallo! Vorrei consigliare a tutti di imparare per prima cosa ad avere dimestichezza con il nuotare e lo stare in acqua e poi incominciare a scattare con la propria attrezzatura.

Ambon_uw-98-von-172-620x412

3. È possibile scattare sott’acqua con i flash? 

Il flash è fondamentale per la fotografia subacquea. I colori in primo piano appaiono più chiari anche a una profondità di cinque metri. L’acqua ha una densità superiore a quella dell’aria e suddivide la luce nei suoi colori spettrali. Il risultato è che già a cinque metri di profondità, il colore rosso è visibile solo al settanta per cento. Più andiamo in profondità, più tristi appaiono all’occhio umano i colori del mondo sottomarino, anche se le barriere coralline sono tutt’altro che tristi e incolore. Per ridare vita ai colori nelle foto abbiamo necessariamente bisogno di un flash o più.

Bearbeitet-8-620x412

4. Puoi darci alcuni suggerimenti generali per principianti ed esperti?

Come ho già accennato in precedenza le migliori foto arriveranno solo quando avrete una buona dimestichezza con le immersioni, cioè quindi quando potrete concentravi completamente ed esclusivamente sul soggetto. Tuttavia, anche i principianti possono riuscire ad ottenere belle foto. La giusta attrezzatura ha una grande influenza sui risultati delle immagini, soprattutto nella fotografia sottomarina. Ma se desiderate verificare prima se questo tipo di fotografia fa per voi o meno, dovreste fare pratica con una macchina fotografica subacquea a buon mercato. Anche solo facendo gite in snorkeling si possono realizzare delle buone immagini.

 Zimmer4

5. Ma come sei riuscito i scattare foto con i Blacktip (squali pinna nera)? Non è pericoloso fare il bagno così vicino  ad uno squalo? E come è possibile scattare una foto che mostra sia il mondo sottomarino ma contemporaneamente quello al di sopra del livello del mare?

Gli squali sono animali molto timidi e preferiscono di solito alzare i tacchi, soprattutto quando si tratta di esemplari giovani. Anche gli squali adulti sono timidi ma a volte si possono avvicinare un po’ di più ai subacquei. Molte creature affascinanti e belle hanno, purtroppo, una pessima reputazione. Per questa foto abbiamo dovuto attirare gli squali artificialmente, con del cibo. Altrimenti non sarebbero mai venuti così vicino.

Schwarzspitzenhai

Le immagini metà dentro e metà fuori dall’acqua sono quasi impossibili con attrezzatura subacquea non professionale. Per questo è necessario una sorta di semisfera che si avvita di fronte alla lente in modo da compensare le fluttuazioni delle onde aumentando la superficie dell’obiettivo artificialmente. Inoltre, è necessario in queste foto fare post-produzione a causa del contrasto luminoso tra gli elementi in acqua e quelli fuori. Sott’acqua c’è significativamente meno luce.

 

 

Alcuni consigli di Tobias per un buon punto di partenza:

  • Non immergetevi troppo in profondità per le prime volte, cosí potrete catturare i colori senza troppe difficoltà anche senza attrezzature impegnative.
  • Adattate la vostra attrezzatura sulla base delle vostre abilità.
  • Non abbiate paura di usare il flash. È anche utile avere un flash esterno da tenere in mano.
  • Usate molto tempo per osservare l’ambiente circostante per scoprire la posizione perfetta.
  • Siate rispettosi della natura e degli animali. Una delle cause maggiori per la morte ed estinzione delle barriere coralline è proprio la disattenzione dei sub.
  • Non immergetevi mai da soli.
  • Curate la vostra attrezzatura e fate sempre manutenzione prima di entrare in acqua.
  • Usate lenti diverse per situazioni diverse, macro per i pesci piccoli, e grandangolari per panoramiche.
  • Cercate di essere sempre vicino all’azione.
  • Usate piccoli accessori che vi possono aiutare a mantenere la camera e soprattutto fate silenzio quando vi concentrate.
  • Rimanete a lungo in un posto che vi sembra interessante, cosí sarete pronti a catturare momenti particolari.

 

Se si parla con Tobias di camere per immersioni e fotografia subacquea, si può sentire la passione per la sua professione e subito si capisce con quanta energia lui vi può trasmettere. Location adatte per realizzare foto subacqueo sono normalmente arcipelaghi lontani in Indonesia, Galapagos e Isole Cocos. Ma per principianti di Diving un ottimo punto di partenza è l’Egitto.

Ci auguriamo che con i consigli e l’ispirazione di Tobias possiate realizzare magnifiche foto sottomarine. Molto probabilmente i vostri primi scatti potranno già andare a riempire un FOTOLIBRO CEWE.

Divertitevi!

 

 

Lascia un Commento